La vita e' una cassata

Saturday, May 03, 2003


Dopo uno dei soliti discorsi da megalomane, il Grande Bush, nel rientrare nell’elicottero presidenziale ha sbattuto il capoccione con un effetto cartoons.
Sono abbastanza vecchio da aver visto sbattere la testa contro quello stipite, Kennedy, Johnson, Ford, Carter, Regan e Clinton, ed il solo pensiero che la Potenza piu’ potente del mondo non sia riuscita a risolvere il dilemma se alzare lo stipite o abbassare i suoi presidenti, non so perche’ ma mi da’ un certo sollievo...


Ancora Jennifer Lopez. La ricordate? E’ quella che ha inventato il cappottatore e che non si raccapezzola da sola. Il capottatore e’ l’incaricato di metterle e toglierle il cappotto e l’altro le titilla il seno per far uscire i capezzoli quando canta.
Leggo questa mattina che Ben Affec ha rimandato le nozze perche’ sente il bisogno di una nuova cappella.
Pensate quello che volete, certo che quei due ci danno dentro!



SARS
Dove fare una conferenza internazionale sul virus della SARS?
Ma a Toronto, dove senno’?
(Sembra satira, ma e’ proprio cosi’)

Sembra studieranno un nuovo format per la televisione:
JEUX SARS FRONTIERES
simpatico gioco tra squadre di varia nazionalita’, giudici di alto
profilo morale a validare la salute dei partecipanti, vince la squadra
a cui resta vivo almeno un concorrente.

--
duende



Aldo Vincent
IL LIBRO AZZURRO DI BERLUSCONI
www.leggendogodendo.com

Friday, May 02, 2003


Il giorno della sentenza Imi-Sir, una mano misteriosa ha fatto recapitare
alla signora Boccassini un mazzo di peonie rosse che nel linguaggio dei
fiori significano amore platonico, ma rosso, come la passione irrefrenabile.

Uno spasimante esuberante?
Un pacato ammiratore?
De Benedetti dal suo dragamine da diporto, oppure lo stesso Previti, come
segnale di una guerra condotta fino allo spasimo, che ora dichiara una
tregua?
Poco probabile, se ricorderai che Previti non fa prigionieri.
Il mistero rimane.
E' curioso pensare pero' come fossero piu' semplici le cose della Prima
Repubblica.
Andreotti, per mostrare il suo fastidio alle rivelazioni di Pecorelli, gli
fece recapitare una pomata per le emorroidi!!





Tricolore

Io credo che tra le stanze di Palazzo Chigi, giri un folletto furbo e
perfido. E' un nano ridolino, machiavellico ed esperto di comunicazione, un
furbacchione che nasconde un malloppo nei sotterranei del palazzo e per
paura che glielo portino via, ogni mattina che si sveglia, prima di farsi il
segno della croce si dice: " Cosa posso fare oggi, per distogliere l'
attenzione degli italiani dalle cose serie e farli parlare di cazzate?"
E ogni giorno ne inventa una che poi suggerisce al Presidente del Consiglio,
il quale, por nano, e' inconsapevole di tanta cattiveria e lo asseconda.

L'altro giorno, per esempio, salta su Giovanardi, quel florido politico dal
vago accento di lasagna, e dice:
- I colori della bandiera italiana esposta alla Camera sono sbagliati !
Risponde Montecitorio:
- Abbiamo applicato una circolare di Palazzo Chigi.
Cos'era successo?

Niente; l'Unione Europea aveva sollecitato a verificare i colori della
nostra bandiera che potrebbero essere confusi con qualcun'altra dagli stessi
colori.
Nulla di strano. Capita anche a me di confondere i colori della bandiera
della Svizzera con quelli della Croce Rossa! La differenza e' che agli
Svizzeri non glie ne frega un cazzo! Ma il nostro Presidente del Consiglio
no, Lui, animato da quel perfido folletto di cui vi dicevo prima, ha pensato
bene che nel rispetto del contratto con gli italiani, quello con cui
prometteva di cambiare l'Economia, lo Stato, la Costituzione, e la Madonna
di Loreto, per farci su la mano ha deciso di cominciare dalla bandiera
italiana, quella dei tre colori, che e' sempre stata la piu' bella e noi
vogliamo sempre quella...

Eh no, cari miei. I tempi cambiano, e cosa ce ne facciamo noi delle nevi
bianche delle Alpi e dei verdi prati dei nostri confini, che i nostri Padri
hanno difeso con il sangue degli eroi?
Che minchia ce ne facciamo?
Ora i tempi sono cambiati, e se volete essere al passo con il jet-set
potrete scegliere da questo Menu':

Vegetariano
Pisello, gambo d'asparagio, pomodoro

Gourmet:
Camambert, Bordeaux, cavoletti di Bruxelles

Gelato:
Panna, Fragola, Pistacchio


Esotico
Giada, Avorio, Rubino

Webmaster
#00FF00 #FFFFFF #FF0000

E poi ci sara' lo scatologico
Cacca dopo aver mangiato spinaci, dissenteria di neonato, feci emorroidali
( venute
a furia di prenderlo sempre in saccoccia, ma si sa quelli di sinistra hanno
la
cultura del posto fisso...)



Insomma, fino qui, la triste cronaca di una grande fesseria davanti alla
quale non c'e' che sorridere ed aspettare tempi migliori. Ma in Italia no.
In Italia, il Paese di Pulcinella, non c'e' mai stata tragedia, seppur
terribile, che non si sia tramutata in farsa.
Ed ecco da sinistra risuona una squillo: e' Pecorario Scanio che dichiara
alla stampa:
"SVENTATO IL GOLPE CROMATICO" che e' la piu' sussurrata dichiarazione
politica su questo argomento a cui e' seguita una cagnara pazzesca sfociata,
indovinate un po'?
Nella Commissione !

Avremo una commissione, sissignori!
Presieduta dal cancelliere dell'Ordine al merito della Repubblica italiana
Renato Granata e composta dal capo dipartimento del cerimoniale di Stato
della presidenza del Consiglio, da un rappresentante del ministero della
Difesa, dal direttore del Museo nazionale storico delle bandiere. Inoltre,
dovranno designare un loro rappresentante la presidenza della Repubblica, il
Senato e la Camera.
Sei persone per tre colori.

Sara' incaricata di «determinare l'esatta gradazione dei tre colori della
bandiera nazionale e proporre i necessari accorgimenti affinché i tre colori
non assumano caratteristiche di particolare diversità a seconda del tessuto
utilizzato ».
E chi ha stabilito questo?
Ca va sans dire, mon ami:
E' un decreto della Presidenza del Consiglio suggerito, senza ombra di
dubbio, da quel nano malefico che si aggira per Palazzo Chigi, e che per
paura che gli fottano il malloppo, come un incantatore di serpenti, fa
parlare gli italiani del colore della corda che hanno al collo, prima di
dare un calcio allo sgabello.


Sono le nuove abitudini italiane.
La mattina, mi apro il Web, scarico le pagine dei quotidiani italiani ed
esteri, poi vado a vedere gli aggiornamenti dei Siti che mettono le mie
farneticazioni e finalmente leggo la posta.
Qualcuno dice che il web stia uccidendo i giornali. Io credo non sia vero.
Nel mio caso, io scarico il Corriere perche' ispira di piu' alla satira, e
vado in edicola a comprare la Repubblica. Perche' pagina quindici di
Repubblica e' come immergersi nel bagno tiepido, amniotico, e non c'e'
elettronica che tenga, non rinuncerei per nulla al mondo al fruscio della
carta.

Anche il Foglio, lo dice il nome, e' di carta, ma ispira di piu' ad
avvolgere l'insalata. Mio nonno lo avrebbe tagliato a quadretti per
appenderlo al chiodo. ( Poveraccio, se fosse vivo non potrebbe nemmeno
andare a cagare, con tutti quei dieci piani di morbidezza che offre la carta
igienica moderna al profumo di camomilla!)

Proprio ieri sono uscite tutte le truppe cammellate per strombazzare ai
quattro venti che oggi, proprio sul quotidiano gestito da
Ferrara/Arlecchino, servitore di due Berlusconi, uscira' una pacata nota del
nostro Presidente del consiglio che da' del golpista ai giudici del caso
Imi-Sir.
Bonta' sua!


Strano anche il giornalismo italiano: non da' piu' una notizia, "leggono" le
agenzie.
E le agenzie? Vi chiederete.
Le agenzie ricevono comunicati stampa dai quotidiani del Presidente del
Consiglio, ovvio!

Per fortuna c'e' il web, dove puoi andare di fiore in fiore a sceglierti le
notizie che piu' ti piacciono e cosi' ti puoi fare il tuo palinsesto. Come i
programmi televisivi, solo che questa e' una tragedia!

A proposito del caso Imi - Sir ho notato che prima durante e dopo la
sentenza Previti ha rilasciato interviste, conferenze stampa, speciale Tg4,
Porta a Porta e se notate le dichiarazioni rilasciate a commento della
sentenza il giorno dopo, il microfono dentro cui lui parla, CAMBIA SEMPRE!!
Cioe', non si e' limitato a fare dichiarazioni che poi sono state riportate
dai telegiornali. No, lui HA CONVOCATO ciascun giornalista di telegiornale e
ad ognuno HA RIPETUTO LA STESSA DICHIARAZIONE, secondo antiche tecniche
collaudate anche dal famoso filosofo tedesco Joseph Paul Goebbels famoso per
il suo trattatello: " I giudici polacchi sono tendenziosi, invadiamo la
Polonia"

Registro la dichiarazione piu' curiosa, che e' stata rilasciata dagli
avvocati difensori:
"Cominceremo domani, per cercare di ottenere cio' che ci spetta..." hanno
detto.
Ciumbia, vuoi vedere che non li vogliono pagare?

Eppure Berlusconi aveva detto di aver speso ben 500 miliardi per gli
avvocati!
Pensa, che disculo! Se avesse messo in difesa Maldini Nesta e Cannavaro,
avrebbe speso meno e rischiava pure di avere Previti libero e Dell'Utri
stopper!

Vabbe', cavaliere, sono cose che capitano, gli avvocati, se li conosci li
Previti, non glielo avevo detto? Eppoi la legge e' uguale per tutti e
qualcuno e' un po' piu' uguale degli altri, vedrai che un rimedio lo
trovate, via...


Acc... mi accorgo che questa mail e' un po' lunghina. Meglio, cosi' quando
arrivate in ufficio la buttate senza leggerla.

Saluto con grande affetto i settanta italiani che contrariamente ad ogni
previsione, sono rientrati in ufficio e non si sono sfracellati sulle
autostrade.
Avevano previsto 250 morti, e invece sono solo 180. con 2.000 feriti e 6.000
incidenti.
Pensa, durante questo ultimo ponte, sono morte piu' persone sulle nostre
autostrade che infettati dalla Sars IN TUTTO IL MONDO.
E noi andiamo in giro con le mascherine!
Devo andare a farmi visitare.
Sto troppo bene...



1 Maggio

Anvedi chicce', i lavoratori!!
Ricicciano il primo maggio con i loro cartelli sempre uguali, sempre
diversi.
C'era scritto Pane e Lavoro, oggi scrivono Pace. E il lavoro? E' cambiato
pure lui.
Oggi c'e' il lavoro nero, quello part-time, il cococo, il lavoro interinale,
quello in prova, quello no-profit, il lavoro a tempo, e un casino di altri
tipi di lavoro. Ma lavoro-lavoro, quello no. E' scomparso. Rottamato insieme
alle auto che gli Agnelli ci costringevano a cambiare per tenere aperte le
fabbriche e magari comprarsi un'altra azienda in Argentina...

"Il lavoro non si tocca!" gridavano questi, facendo i picchetti.
E chi te lo tocca? A loro faceva pure schifo!
"Pane e lavoro!" scrivevano gli altri sui loro cartelli che esibivano
sfilando.
E gliene hanno dato tanto, dell'uno e dell'altro.
I croissons, invece, se li andavano a mangiare i datori di lavoro al Cafe'
de Paris di Montecarlo dopo essere passati dalla banca...

E il prete la domenica a rincuorarli, ripetendo che per fortuna c'e' la
Divina Provvidenza e ci sara' ghiaccio per tutti: ai ricchi d'estate nelle
loro bevande, ai terremotati d'inverno, sopra le loro baracche...
Buon Primo Maggio a tutti i superstiti gioiosamente riuniti nelle piazze a
far casino e a stordirsi con i concerti e a intossicarsi con le salamelle e
i vecchi slogan alle feste dell'Unita'.!!



Nell'ambito del famoso Concerto del Primo Maggio, la Cortellesi voleva
portare l'imitazione di Cofferati, tanto per riderci un po' su.
Pero' gliel'hanno proibito.
Allora si e' levata la Destra temeraria, quella che fa i Congressi Bisestili
( uno ogni quattro anni) e che Liberta' lo tiene scritto sulla targa fuori
dalla porta del palazzo di via dell'Anima, di proprieta' del Cavaliere, ed
ha insinuato che nella Sinistra non ci sia liberta'.
Allora i Sinistri sono tornati dalla Cortellesi e con estrema lungimiranza,
l'hanno obbligata a fare l'imitazione.

E' andata a finire che la Cortellesi ha detto che ci vuole troppo tempo per
il trucco ed ha diplomaticamente rinunciato. Ma la figura rimane, perche' se
la faccenda e' vera, hanno dato la solita dimostrazione di immane grettezza,
visto che nella scorsa campagna elettorale persa per insipienza dei soliti
noti, i piu' ficcanti comizi politici della Sinistra, sono stati tenuti da
Guzzanti, Luttazzi, Benigni, la signora Ferilli, i coniugi Fo e pochi altri
giullari che con parole dritte a toccarci il cuore e l'anima, di fronte a
questi guitti della politica hanno fatto la loro porca figura.
Ingrati.





Sentenza IMI SIR
(Aveva commentato Berlusconi): "E pensare che per gli avvocati ho speso 500
miliardi"
Caro Cavaliere, gli avvocati, se li conosci li Previti. Non lo sapeva?
Commento di Previti: "E' una persecuzione, un vero Calvario"
Porta pazienza, Cesari', che mo' siamo arivati in cima ti facciamo vedere
il panorama!
Commento della Boccassini: "Date a Cesare quel che e' di Cesare"
Vabbe', signora, ma undici anni di galera...
E gli va pure bene. Pensa che a quell'altro Cesare gli hanno dato 23
pugnalate!



Argentina:
E' ricicciato Menem.
Se il Paese si trovava sull'orlo del precipizio, bisogna riconoscere che con
questa elezione potrebbe fare un notevole passo avanti!


Avrebbe compiuto 42 anni, domenica scorsa.
Forse avrebbe avuto qualche ruga, tette pendule, culo cascante.
Invece e' rimasta nei nostri occhi bella come una Dea.
Buon compleanno, Moana.



Per timore della SARS non va piu' nessuno a Pechino. Hanno rinunciato
artisti famosi, politici tra cui Tony Blair e altri. Alcuni ministri
francesi invece ci sono andati portandosi dietro industriali, funzionari e
reggiborse.
L'unica precauzione che hanno preso, riportano le cronache, e' stata quella
di far disporre presso l'ospedale di Pechino alcune camere che nell'
eventualita' di un ricovero, potessero garantire " condizioni occidentali di
ospedalizzazione" che i cinesi hanno prontamente garantito.
Il virus, invece, molto democraticamente, sara' uguale per tutti.



"Cani addestrati a riconoscere il cancro alla prostata"
L'ha detto al Sunday Times il capo degli studiosi dell'ospedale Adenbrookes
e dell'Ateneo di Cambridge, che cercano di prevenire il tumore che ogni anno
colpisce circa 20 mila inglesi.
Stanno pensando anche di sostituire la Laurea in Medicina con la Licenza di
Caccia...


Giornalismo "alto" sul Foglio, il famoso quotidiano con cui potresti
avvolgerci il pesce "prima" di averlo letto, diretto da quell'Arlecchino
Ferrara, servitore di due Berlusconi.
Discettano su Pietro Ottone e il suo articolo a favore dei benzinai.
Scusate tanto, amici miei, ma se Pietro Ottone dichiara di avere "un legame
di simpatia" coi benzinai, che ve ne frega a voi?
E se scrive che ha nostalgia per "le loro pompe" e che tra " il fai da te e
il servizio all'antica" preferisce quest'ultimo, voi perche' polemizzate?
Volete togliere agli intellettuali italiani anche il gusto della
trasgressione?
E perche' mai?


Home